Pasquale De Michele

compagnia-teatrale-napoli-pasquale-de-michelePasquale De Michele: 11/04/1986 – Operaio.
Descrizione: polivalente, disponibile, grande spalla come il grande Peppino De Filippo, elemento fondamentale per le interpretazioni del primo attore.

“Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri, nella vita, recitano male”. Questa frase di Eduardo De FilippoA� descrive appieno il mio “perchA� recito”. Per me che non piace stare al centro dell’attenzione il teatro A? un ottimo strumento per superare il pudore. In scena non sei TU a parlare ma quel personaggio con tutte le sue sfaccettature. La prima volta A? stata con i giovani dell’oratorio nel 2001 in “E pensate de Gennarino” scritta dal nostro regista, poi nel 2004 in “A? si over foss succies? Bip!” nella parte di una guida turistica. Alla�� epoca la compagnia si chiamava “Immagini ed emozioni”. Dopo qualche anno di pausa nel 2008 ci siamo riuniti portando in scena “NATALE IN CASA CUPIELLO” ed io ero zio Pasqualino. Dopo quella volta A? nata l’Associazione Teatrale Culturale Gli Ardisti dove per i primi anni ricoprivo la carica di consigliere e oggi sono il tesoriere. Nel 2010 abbiamo portato in scena “Na santarella” nella parte del direttore del teatro e nel 2012 “Lu curaggio de nu pumpier napoletano” ero un cameriere. A causa del lavoro per alcuni anni mi sono allontanato dal gruppo per ritornare poi nel 2015 riportando in scena per la seconda volta “Natale in casa Cupiello”, ed ancora una volta ho interpretato il personaggio di zio Pasqualino. In questa�� ultima rappresentazione ben 1200 persone in tre serate hanno assistito al nostro spettacolo, un successo unico per noi e un grande sforzo per me che sono arrivato alla terza serata senza un filo di voce. Presi dall’entusiasmo, dopo meno di un mese abbiamo cominciato a preparare “Tre pecore viziose” di E. Scarpetta andando in scena nel giugno 2016: qui ho interpretato Matteo, il proprietario della casa delle modiste; A? stato divertentissimo poichA� il regista ha avuto la brillante idea di modificare tale personaggio rendendolo balbuziente: che risate ! A gennaio 2017 parteciperemo ad una rassegna al Teatro SummarteA� con “Lo scarfalietto”, dove mi calerA� nelle vesti del giudice.

[Voti: 3    Media Voto: 5/5]

Commenti chiusi